ATTRIBUZIONI DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA – R.L.S.

I principali compiti del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza.

ACCEDE
  • ai luoghi di lavoro
  • al documento di valutazione
  • al registro infortuni
E’ CONSULTATO
  • sulla valutazione dei rischi
  • sulla realizzazione dei programmi di prevenzione
  • sull’organizzazione della formazione
  • sulla designazione degli addetti al Servizio di Prevenzione
RICEVE
  • formazione adeguata
  • copia documento valutazione dei rischi
  • informazioni e documentazione sui macchinari, impianti, attrezzature, sostanze pericolose, infortuni e malattie professionali
  • informazioni provenienti dal Servizio di Vigilanza
PROMUOVE l’elaborazione, l’individuazione e l’attuazione delle misure di prevenzione
FORMULA osservazioni in occasione di visite effettuate dalle Autorità competenti, ovvero fare ricorso alle Autorità qualora ritenga che le misure di prevenzione siano insufficienti.
PARTECIPA alle riunioni periodiche di prevenzione e protezione
AVVERTE il responsabile dell’azienda dei rischi individuali

SCHEDA RIEPILOGATIVA PER AZIENDE NELLA SCELTA TRA R.L.S.A. E R.L.S.T.
(D.lgs.81/08 e Accordo interconfederale 13 settembre 2011)

Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale R.L.S.T.

“cd. esterno”

Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Aziendale R.L.S.A.

“cd. interno”

Elezione del Rappresentante

NO

SI: necessariamente tale elezione dovrà essere svolta durante l’orario di lavoro

Permessi Retributivi

NO

SI: 40 ore annue

Formazione Specifica

SI

corsi di formazione a spese degli OPTA/OPRA

SI: corso di formazione iniziale a spese del datore di lavoro, in collaborazione con l’OPTA, dalla durata di 32 ore nel primo anno e di un corso di aggiornamento per ogni anno successivo

Aggiornamento annuale

SI

corsi di formazione a spese degli OPTA/OPRA

SI

Informazioni Lavoratori

SI

SI

Contributi all’OPTA

SI:

compresa nella quota mensile versata ad Elba tramite F24 pari a € 10,42 per dipendente

(riproporzionato a euro 5,21 per i part-time fino a 20 ore settimanali)

NO

Ricordiamo che tutto quanto indicato non si applica alle imprese edili in quanto materia disciplinata dal contratto del settore edile.

Per visualizzare la modulistica (clicca qui Allegato A e Allegato B) da utilizzare per procedere all’elezione del rappresentante per la sicurezza ed effettuare le relative comunicazioni.

Sostegno alla piccola e media impresa, ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza territoriali e alla pariteticità

D.Lgs. 81/08 articolo 52

Presso l’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul lavoro (INAIL) è costituito il fondo di sostegno alla piccola e media impresa, ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza territoriali e alla pariteticità.

Il fondo opera a favore delle realtà in cui la contrattazione nazionale o integrativa non preveda o costituisca, come nel settore edile, sistemi di rappresentanza dei lavoratori e di pariteticità migliorativi o, almeno, di pari livello ed ha quali obiettivi il:

a) sostegno ed il finanziamento, in misura non inferiore al cinquanta per cento delle disponibilità del Fondo, delle attività delle rappresentanze dei lavoratori per la sicurezza territoriali, anche con riferimento alla formazione;

b) finanziamento della formazione dei datori di lavoro delle piccole e medie imprese, dei piccoli imprenditori, dei lavoratori stagionali del settore agricolo e dei lavoratori autonomi;

c) sostegno delle attività degli organismi paritetici.

Il fondo è finanziato da un contributo delle aziende di cui all’articolo 48, comma 3, D.L.gs 81/2008 in misura pari a due ore lavorative annue per ogni lavoratore occupato presso l’azienda.

Con uno o più accordi interconfederali stipulati a livello nazionale dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative vengono individuati settori e attività, oltre all’edilizia, nei quali, in ragione della presenza di adeguati sistemi di rappresentanza dei lavoratori in materia di sicurezza o di pariteticità, le aziende o unità produttive, a condizione che aderiscano a tali sistemi di rappresentanza o di pariteticità, non siano tenute a partecipare al Fondo di cui all’articolo 52 D.L.gs 81/2008 .

Per il settore dell’Artigianato il versamento all’E.L.B.A., che comprende la designazione del RLST, da piena attuazione all’articolo 52 D.L.gs 81/2008.

Il Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza territoriale redige una relazione annuale sulla attività svolta, da inviare al Fondo.